Tu sei qui

Edward E. Bryant - Tsimshian Art

Edward E. Bryant

Edward Bryant - Tsimhian - British Columbia - Canada Ed. E. Bryant è nato a Lax Kw Alaams, in un piccolo villaggio tribale, situato sulla costa nordoccidentale della British Columbia (Canada). E’ stato cresciuto dai suoi nonni dai quali ha acquisito tutti gli insegnamenti della sua cultura. Nel corso della sua vita gli sono stati insegnati tutti i valori tradizionali, inclusa la storia, mitologia, medicina e la lingua della sua gente. Da oltre venti anni, Edward scolpisce le sue opere nello stile tradizionale Tsimishian, utilizzando prevalentemente il legno di cedro giallo e rosso, ontano, acero e legno di tasso. Oltre al legno lavora anche l’osso, l’avorio, il rame e l’argento. Molti dei suoi lavori sono impreziositi con intarsi di madreperla. L’artista crea anche le proprie danze, i disegni dei suoi abiti e i suoi attrezzi per scolpire. Tra le opere più importanti ci sono: 4 totem alti 9 metri scolpiti ed eretti per la commemorazione in onore del Principe Rupert; una colonna alta 4 metri nel porto di Simpson; e un totem alto 4 metri nella città di Geneva. Tutte le opere, come anche ad esempio una canoa lunga 8 metri sono stati scolpiti con un tradizionale coltello curvo e l’ascia. Edward Bryant ha lavorato nella galleria di scultura associata al Museum of Northern British Columbia in Prince Rupert (Canada). Dal 1998 ha esposto le sue opere con grande successo in parecchi musei in Germania. TXAMSEM, il mitologico corvo gigante scolpito da un cedro vecchio oltre 450 anni è stato esposto insieme ad altri manufatti nella mostra nel museo Lindenmuseum a Stoccarda (Germania). Per l’occasione della mostra intitolata “L’arte sopravissuta – Indiani d’America” Edward ha disegnato anche due dipinti originali che rappresentano il Corvo e l’Orca. La stessa mostra è stata esposta a Zurigo (Svizzera) nel mese di gennaio 1999. Nel novembre 1998 la maschera “Bear Mother mask” scolpita nel cedro giallo e dipinta, è stata acquisita dal Lindenmuseum a Stoccarda (Germania) insieme al modello della lunga casa tradizionale Tsimshian. Entrambi pezzi sono stati esposti nella mostra dedicata all’artigianato e arte dei Nativi della costa Nordoccidentale. Alcuni musei dove l’artista ha esposto le sue opere d’arte: Neanderthal Museum – Germania Museo di Hagen Dahlem Museum – Berlino – Germania Volkerkunde Museum – Francoforte – Germania Ed ha contribuito alla letteratura delle “Prime Nazioni”, ha partecipato a molteplici trasmissioni televisive, ha concesso molte interviste a giornali, riviste e radio. Tutt’ora insegna l’arte tradizionale della sua tribù.

Totem

Ci sono sei tipi di totem: 1)Post House: può essere un falso pilastro della casa o un reale pilastro che sostiene il tetto. Il più delle volte si trovano alle estremità delle grandi case comuni. 2)Mortuary / Memorial Poles sono pali di Totem che sono stati semplicemente dipinti sulla cui sommità è stata posta una scatola contenente le ceneri del defunto (a volte le ceneri sono state sepolte sotto il palo). Pali Commemorativi venivano eretti per onorare i Capi sia vivi che morti. 3)Totem araldici o di Famiglia erano collocati nella parte anteriore centrale di una casa. Il palo è stato intagliato con la storia mitologica del clan. Aveva lo scopo ad esempio di pubblicizzare, rivendicare ed esaltare il lignaggio della famiglia. Pali araldici erano posti nella parte anteriore della casa con un buco vicino alla base che fungeva da porta. 4)Feast Pole (palo della festa) è progettato per registrare e convalidare eventi importanti. Questi Totem sono i Totem più alti e più riccamente decorati. Spesso si distinguono da altri Totem perchè sulla loro sommità ci sono scolpiti da 1 ai 3 guardiani con un cappello alto. Sotto le sentinelle è scolpito il capo, in seguito la moglie del capo. 5)Palo della Vergogna: viene eretto per forzare una persona di alto livello, per soddisfare o riconoscere un obbligo. Molti uomini bianchi sono stati scolpiti su questi pali. “Un’altra forma di vergogna per una persona era di essere ritagliato su questo palo a testa in giù:. 6)Pali di Benvenuto erano situati al bordo della riva per identificare il proprietario di quella riva.
 

Txamsem - Il Gigante

Txamsem - il giganteLegno e corteccia di cedro, conchiglie di abalone, rame, pittura. l’età del legno è di circa 450 anni Txamsem – il gigante della mitologia Tsimshian – si identifica con la Cornacchia al tempo in cui questa, con sembianze umane, camminava sulla Terra: essendo ricettacolo di conoscenza infinita, assolveva il ruolo di “Creatore della Cultura”.Fu proprio la Cornacchia a portare la luce sulla Terra: molti racconti tradizionali della Nazione Tsimshian narrano delle sue gesta eroiche. In seguito, molti anni fa, poiché venne meno il rispetto nei suoi confronti e a causa di taluni cambiamenti nella vita degli Tsimshian, la Cornacchia si ritirò in una valle posta tra i Mondi, dove resterà fino al momento in cui si avvicinerà la fine della Terra: allora tornerà e metterà il Popolo Tsimshian in guardia su ciò che accadrà.
 

Galipliipm laxha Uccello del tuono (skyaimsem)

Ucello del tuonoUccello mitologico che vive tra le montagne, dalle quali si allontana dirigendosi verso il mare per predare il cibo per i suoi piccoli. Il battito delle sue ali produce il rombo del tuono, quando sbatte le palpebre il fulmine scende dal cielo. Si dice che questo uccello fosse conosciuto con il nome di larh’ihi nel territorio dell’attuale Groenlandia, vicino alle isole dundasil simbolo araldico rappresentante il tuono è utilizzato su tutta la costa e viene rappresentato in molte forme.
 

SOUL CATCHER

soul catcherIl “Soul Catcher” come viene chiamato nella lingua inglese, appertiane ad una categoria di oggetti di fascino usata dagli Sciamani Tsimshian. Con esso, si recuperava “l’anima” che ha lasciato il corpo dei malati e ha iniziato il suo viaggio verso la terra dei morti.
 

Laxkibu gaaylk - Scodella a forma di lupo

Scodella a frorma di lupolegno di cedro rosso, pittura, conchiglie di opercula Questo tipo di scodella era utilizzato dal Capo e dalla Famiglia Reale in occasione dei potlatch o dei banchetti organizzati in onore del clan di appartenenza. le scodelle, ricolme di grasso, bacche o cibo cotto, erano poste di fronte agli ospiti d’onore. le conchiglie di opercula, che decoravano il bordo della scodella fatta di legno ricurvo, erano reperibili solo in alcune aree, ed essendo molto costose, si ottenevano scambiando merci di grande pregio. ciascuna scodella era accompagnata da un cucchiaio di legno, e sovente, a festa finita, entrambe gli oggetti erano dati in dono ai Capi ospiti.
 

Lguwaalksilm gaax

Copricapo del clan della cornacchiaCopricapo di personaggio di alto lignaggio del Clan della Cornacchia Legno e corteccia di cedro rosso, conchiglia di abalone, pelliccia, pelle. Questa tipologia di copricapo era destinata a colui che, già Principe del Clan della Cornacchia, avesse ereditato la posizione di Capo del Clan. Questo pezzo è decorato con conchiglie di abalone, pelle di ermellino – simboli di lignaggio reale – mentre su ciascun lato della maschera sono presenti penne di cornacchia, raccolte dall’artista stesso nel territorio lax Kw Alaans in British Columbia . Sotto il becco sono incisi i lineamenti di un volto che rappresenta la voce dell’Antenato: si dice che gli Antenati – per mezzo dela parola - insegnano alle generazioni più giovani il valore dell’arte oratoria e lo fanno ripetendo il loro insegnamento ancora e ancora, fino a quando è ben recepito dal discente. in questo modo viene trasmessa la capacità di parlare in pubblico, in modo da esercitare sugli ascoltatori l’influenza desiderata nel corso dei banchetti e dei potlatches.Questo ornamento è stato indossato nel corso di danze ed e’ stato esposto all’Adelhause Museum di Frieburg.
 

LAXKIBU NUU

Amo da pesca a forma di lupoamo da pesca a forma di lupo Questo tipo di amo per la pesca all’halibut è un tradizionale strumento utilizzato dai nativi della costa nord occidentale. l’intaglio rappresenta il lupo, che attrae l’halibut con la forza e l’abilità del suo spirito. sull’appendice di osso veniva infilzato un pezzo di gamba di polipo, cibo prelibato per l’halibut, utilizzato come esca. le dimensioni dell’amo facevano si che si catturassero soltanto i pesci di grandi dimensioni.
 

Maschera femminile di Capoclan

Maschera femminile di capoclanOntano, crine, intarsi di conchiglia di abalone, pittura La maschera rappresenta l’aquila “fuggitiva”, e ricorda gli epici spostamenti del Clan dell’Aquila originario del Nord, e degli incontri che ne costellarono il cammino. Sul lato destro è rappresentato Galhoon, la creatura che – afferrata la mano di un principe, lo fece annegare con l’innalzarsi della marea: al principe la sua Gente dedicò una nenia. Sul lato sinistro è rappresentato il guerriero che camminò lungo la costa e, arrivato sulle sponde di un grande fiume, tentò di attraversarlo a nuoto: indebolito dal lungo viaggio, fu aiutato da un halibut sovrannaturale che lo ingoiò. Entrambe ebbero a soffrire per questo e il guerriero morì mentre stava uscendo dall’halibut. Una grande aquila – anch’essa appartenente al mondo sovrannaturale - si posò sulla coda del pesce: le aquile “fuggitive” (che avrebbero poi formato il Clan) la videro e da quel momento ne acquisirono i simboli come insegne del Clan e dedicarono un canto al guerriero. Queste furono le Genti che giunsero infine al fiume Nass e quindi al fiume Skeena e da lì si diffusero nel territorio. La maschera – che nel labbro inferiore presenta un intarsio di conchiglia di abalone - rappresenta la matriarca del prominente Clan dell’Aquila, e ne raffigura le origini.
 

Swaansk Ammilkm Maschera di Sciamano

Maschera di SciamanoLegno di betulla, conchiglia di abalone, crine di cavallo. Rappresenta un famoso sciamano noto con il nome di “uno solo”, il primo sciamano tsimshiam di cui esistano testimonianze storiche. Nella bocca c’è la figura di una rana, che simboleggia la connessione tra il mondo di sotto e il mondo di sopra. Dagli occhi si intende chiaramente che lo sciamano è rappresentato in uno stato di trance. Ai giorni nostri, nei nostri villaggi, non ci sono più sciamani.
 

Scatola quadrata tipica del corredo di uno Sciamano

Scatola tipica del corredo di uno SciamanoE’ un contenitore angolare di legno ripiegato, tradizionalmente utilizzato dagli Sciamani per riporvi I loro oggetti sacri. Vi si trovano rappresentati l’Orso e e l’Aquila, è intagliata e dipinta
 

libro: “Tsimshian Art” - la storia dei popoli della costa nordovest del Canada e le opere di Edward E. Bryant

 

Per organizzare incontri, conferenze e mostre delle opere di Edward E. Bryant contattate l’associazione culturale Mitakuye Oyasin: tel.:3295361538 e-mail:info@indianvillage.it